log in

Istituire in Emilia-Romagna la Festa di tutte le famiglie, una proposta presentata da Franco Grillini

Le persone felici lavorano meglio, di più, hanno un ottimismo che le accompagna e le sostiene lungo le difficoltà della vita, si ammalano di meno e pesano meno sulla comunità. E la felicità, visto che siamo esseri umani, la possiamo trovare solo negli affetti e nei legami. Questi legami si chiamano famiglia. Qualcuno dice che esiste una sola famiglia “naturale”, come se i sentimenti fossero scritti nel DNA delle persone. Io sono convinto invece che “famiglia” è il nome che diamo alle persone cui siamo legati. Questo vale per le famiglie con un solo genitore, per le famiglie omosessuali, per le famiglie allargate (come usava, in Italia, nel 1800) e ovviamente anche per le famiglie cosiddette tradizionali. Per questo sono anni che mi impegno, contrastando il moralismo bigotto e conservatorista di molta politica, nella battaglia per il riconoscimento di nuove modalità di “costruire” la propria famiglia come meglio vogliono le persone, il più liberamente possibile. Il concetto di famiglia cambia nel tempo, come anche stabilito dalla Corte Costituzionale e da quella di Cassazione in recenti sentenze, perciò non esiste ragione al mondo per mantenere dei cittadini in uno stato di precarietà affettiva, di assenza di tutele, di disprezzo da parte delle istituzioni e vulnerabili ai rovesci della vita.

 

Se anche tu credi che “son tutte belle le famiglie del mondo”, aiutami a portare avanti questa battaglia, votando il prossimo 23 Novembre la lista Emilia-Romagna Civica e scrivendo (se voti a Bologna o provincia) FRANCO GRILLINI.

 

 

Ogni famiglia è un bene comune

Famiglie diverse uguale valore

 

Ogni forma di famiglia, ogni unione affettiva, ogni legame di solidarietà, amore e amicizia rappresenta un fatto rilevante dal punto di vista sociale e civile e un bene per la collettività e per la coesione sociale.

L’articolo 2 della Costituzione nell’affermare che la Repubblica riconosce i diritti fondamentali della persona, stabilisce che essi sono garantiti anche nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità. Tra le formazioni sociali vi rientra anche la famiglia, regolata altresì dall’articolo 29.

Come riconosciuto dalla Corte costituzionale, tanto la famiglia tanto il matrimonio, sono due realtà in continua modificazione ed evoluzione. Lo Stato non può violare o negare la pluralità e la libertà delle forme e dei modelli familiari.

Anche le Carte sovranazionali riconoscono a ogni individuo, uomo o donna, il diritto fondamentale di sposarsi e costituire una famiglia. La nozione di matrimonio e quella di famiglia includono l’unione tra due persone dello stesso sesso e i loro eventuali figli.

Dovunque sono stati riconosciuti diritti alle famiglie formate da persone dello stesso sesso, l’intera società ha tratto benefici perché è cresciuta l’inclusione, il benessere e la solidarietà sociale.

Tutte le famiglie costituiscono, più ancora di un mero nucleo giuridico, sociale ed economico, una comunità di affetti e di solidarietà in grado di insegnare e trasmettere valori culturali, etici, sociali essenziali per lo sviluppo e il benessere dei propri componenti e della società, nonché il luogo dove diverse generazioni si incontrano e si aiutano vicendevolmente a crescere nella coscienza critica e nella libertà di scelta, armonizzando diritti e  doveri degli individui con le altre istanze della vita sociale nella garanzia della libertà individuale e collettiva.

Il Parlamento è chiamato a togliere ogni ostacolo normativo e a garantire la parità dei diritti delle famiglie omogenitoriali, compresa l’adozione del figlio/figlia biologico/a del/della partner, superando finalmente ogni discriminazione.

Il Parlamento istituisca la Festa di tutte le Famiglie, fondata sull'amore tra le persone, promuovendone sia direttamente sia indirettamente attraverso scuole, associazioni ed Enti Locali la valorizzazione dei principi culturali, educativi e sociali.

 

 

Gli atti che ho presentato al Consiglio regionale su questo argomento:

 

 

Risoluzione per impegnare la Giunta a combattere ogni forma di discriminazione verso le persone lgbt e a garantire la parità dei diritti delle famiglie omogenitoriali compresa la “stepchildadoption” e ad individuare una data per la celebrazione della “Festa di tutte le Famiglie” (ogg. ass. n. 5847 del 23/07/2014 - stato iter: pendente).