log in

Milioni di € regalati alla Chiesa dai Comuni. La battaglia di Franco Grillini contro questi sprechi.

Quando i comuni danno delle concessioni edilizie ai costruttori ricevono da questi, sotto forma di tasse, una quantità di denaro che prende il nome di “oneri di urbanizzazione”. Questi soldi servono ai comuni per costruire strade, parchi, asili, mercati e per adeguare infrastrutture e servizi. E anche, sorprendentemente, per costruire nuove chiese e pagare le sanzioni delle vecchie quando non rispettano le norme (il comune si paga da solo le multe delle chiese, chissà quanti desidererebbero un privilegio così... ma è solo per pochi...). La legge regionale prevede che “indicativamente” il 7% degli oneri versati ai comuni siano dati alle chiese, ma i comuni possono variare questa percentuale e portarla anche a 0%. I dati del totale di denaro versato alle chiese da parte dei comuni non è dato saperlo (nemmeno in seguito alla mia interrogazione), e i comuni sono estremamente restii a fornire quelle cifre. Grazie ad alcune rilevazioni parziali dell’associazione UAAR (Unione degli Atei e Agnostici Razionalisti) è stato possibile elaborare una proiezione statistica dalla quale risulta che negli anni dal 2001 al 2011 i comuni della regione Emilia-Romagna hanno versato alle chiese complessivamente oltre 83 milioni di euro (€ 83.251.103,65), per una media annua di circa 7 milioni e mezzo di euro (€ 7.568.282,15), pari allo 0,37% delle entrate tributarie dello stesso periodo. È inaccettabile che tante risorse, soprattutto in momenti di crisi economica, si aggiungano ai già numerosi altri privilegi di cui godono le chiese (otto per mille, cinque per mille, esenzioni Imu e Iva, riduzione Ires e Irap, tariffe postali agevolate, riduzione del canone televisivo, contributi a scuole confessionali e insegnanti di religione pubblici, e mille altri rivoli di denaro pubblico). Cambiare questo stato di cose non è semplice, ma è mia fermissima intenzione fare in modo che queste risorse siano dedicate a servizi molto più utili per la totalità dei cittadini.

  

Se anche tu vuoi che questi sprechi siano combattuti, vota la lista Emilia-Romagna Civica e (se voti a Bologna o provincia) scrivi FRANCO GRILLINI.

 

Gli atti che ho presentato al Consiglio regionale su questo argomento:

 

Interpellanza circa l’ammontare dei contributi destinati dai comuni emiliano-romagnoli a titolo di oneri di urbanizzazione secondaria, dal 1998 al 2013, per chiese ed altri edifici religiosi (ogg. ass. n. 4521 dell’01/10/2013 - stato iter: svolta).

 

 

Mozione per impegnare la Giunta ad assumere l’iniziativa per l’aggiornamento delle tabelle parametriche per l’applicazione degli oneri di urbanizzazione al fine di sottoporre all’assemblea una proposta di delibera, tenendo conto del mutato contesto economico-sociale e introducendo criteri di flessibilità per i comuni, realizzando il Sistema integrato per l’Edilizia Emilia-romagna, invitando inoltre i comuni ad aggiornare detti oneri primari e secondari adattandoli alle specificità locali di natura urbanistica, edilizia, economica, demografica e sociale (ogg. ass. n. 4800 del 28/11/2013 - stato iter: pendente).