log in

Grillini (Gaynet), Papa pro obiezione contro i matrimoni gay? Grave invitare a violare le leggi dello stato sovrano, Bo al nuovo MINCULPAP

IL PAPA CON UNA ESPONENTE DELLA FRANCIA BIGOTTA IL PAPA CON UNA ESPONENTE DELLA FRANCIA BIGOTTA

Per il papa attuale, presunto progressista, fare obiezione di coscienza per i funzionari pubblici che si rifiutano di rilasciare le licenze per i matrimoni gay è un diritto umano. Ovviamente non è un diritto umano il diritto ad avere una famiglia anche per le coppie omosessuali, ad avere il diritto alla vita familiare, a vedersi riconosciuti giuridicamente quei diritti di coppia in vigore in un gran numero di stati del mondo libero. E' un diritto negare altri diritti, è un diritto violare palesemente le leggi dello Stato ovvero anche per il presunto papa progressista viene prima la religione poi la cosa pubblica.

Come Gaynet troviamo queste affermazioni molto gravi perchè ripropongono una Chiesa antistato, con l'idea del primato della religione sullo Stato che non si sentiva più da decenni.

C'è un clima da "MINCULPAP" per cui dobbiamo sorbirci paginate di informazioni papiste, ore e ore di trasmissioni acritiche sui suoi viaggi dove si cita del papa solo ciò che fa comodo e si tralasciano le note  giaculatorie contro l'aborto, il matrimonio che dev'essere solo tra un uomo biologico e una donna biologica, la famiglia eterosessuale come unica forma riconosciuta e degna di sostegno e via dicendo.

Per noi valgono le leggi statali, le sentenze delle corti europee, le raccomandazioni del Pe, e le vittorie referendarie come quelle dell'Irlanda e della Svizzera che dimostrano che la popolazione in maggioranza è per il riconoscimento dei diritti delle coppie omosessuali, piaccia o non piaccia alla religione o ai capi religiosi di turno.

 

Franco Grillini

 

Presidente Gaynet Italia